A Santa Sabina la prima edizione di ‘Avanti Tutta Golf Cup’

    0
    85
     

    Iniziativa dell’azienda Saci Professional per ricordare il ‘collaboratore’ Leonardo Cenci e sostenere le attività della sua Fondazione. Vittoria per Piero Borghi

    Sport e solidarietà al Golf Club di Santa Sabina grazie all’iniziativa di Saci Professional. La nota azienda perugina, diretta da Lorenzo Campanile, ha promosso tra gli amici e appassionati la prima edizione di ‘Avanti Tutta Golf Cup’, che si tenuta nella splendida struttura perugina domenica 2 ottobre. Un evento che ha voluto ricordare la straordinaria figura di Leonardo Cenci, che in vita ha a lungo collaborato sul piano professionale con Saci e per sostenere i progetti solidaristici dell’associazione, oggi Fondazione, da lui creata. Una bella giornata di sport, contraddistinta da un clima ideale, che ha visto la partecipazione di numerosi golfisti che hanno contribuito a sostenere ‘Avanti Tutta’ pagando in gara le loro ‘penalità’ (birdie). Ad aggiudicarsi la prima edizione di ‘Avanti Tutta Golf Cup’ è stato Piero Borghi, seguito da Roberto Quattrone e Aurora Antonelli.

    “E’ stato bello ricordare Leonardo – ha dichiarato Lorenzo Campanile – e vedere la sua immagine all’interno del campo da golf. Leo oltre che un caro amico, è stato un collaboratore molto apprezzato all’interno della mia azienda. Una figura di riferimento a livello professionale e umano. E’ sempre un piacere sostenere Avanti Tutta. Ringrazio tutti gli amici golfisti per aver partecipato numerosi e per il loro contributo di solidarietà”.

    Alle premiazioni, oltre al resto della famiglia Campanile, ha fatto registrare la sua presenza anche il Presidente della Fondazione Avanti Tutta, Federico Cenci.

    “Ringrazio Lorenzo, i suoi fratelli e tutta la famiglia Campanile per l’ennesimo gesto di vicinanza nei confronti di Avanti Tutta, così come rivolgo la mia gratitudine a tutti i partecipanti di questa bella iniziativa. Quale migliore occasione per ricordare mio fratello attraverso un evento sportivo e in un luogo che Leonardo da giovanissimo aveva frequentato”.