Il Natale a Deruta, si colora di amicizia, condivisione e solidarietà. Avanti Tutta presente

    0
    99

    “Deruta è la mia nuova casa!”: così Ricky Tognazzi si è espresso ieri pomeriggio, in Piazza dei Consoli, a Deruta, durante l’accensione, in contemporanea, degli alberi di Natale più grandi del mondo, in ceramica e sull’acqua, a Deruta e Castiglione del Lago.

    Si è accesa la magia del Natale!

    Erano presenti l’assessore regionale Paola Agabiti, Gerard Gazay Sindaco di Aubagne, gli assessori e i consiglieri comunali, il presidente dell’associazione italiana Città della Ceramica, Massimo Isola, il Console onorario della Repubblica francese a Perugia, Gabriele Galatioto, il presidente della Riserva della Biosfera UNESCO del Monte Peglia, avvocato Francesco Paola, il presidente del Comitato di indirizzo della Fondazione Perugia, Maurizio Tittarelli Rubbioli, la presidente del Comitato degli Artigiani Ceramisti di Deruta, Annalisa Mordenti, rappresentanti delle associazioni del territorio e i cittadini!

    A Ricky Tognazzi, il sindaco ha consegnato un piatto in ceramica raffigurante il padre, Ugo Tognazzi, opera realizzata da Gianni Marcucci. “Mi commuove questo gesto – ha detto Tognazzi – di solito mio padre i piatti li faceva, ora invece si è finito dentro e ne sarebbe stato felice e orgoglioso!”.

    L’assessore regionale Agabiti ha sottolineato la “sinergia fra i due Comuni, attraverso una promozione integrata dei territori, per rafforzare lo spirito di comunità, in linea con la campagna promozionale della Regione Umbria”. E ha aggiunto che “oggi si celebra e onora anche il lavoro degli artigiani”.

    Il sindaco Toniaccini ha parlato di “un giorno speciale, dedicato ai bambini, alla solidarietà, alla collaborazione, all’amicizia e alla condivisione, recependo il vero spirito del Natale e i suoi alti valori”.

    Prima dell’accensione, in una sala del Consiglio comunale piena di cittadini e autorità, è stato firmato un Patto di amicizia con Aubagne in attesa delle carte ministeriali per il gemellaggio. Per l’occasione, gli

    studenti dell’Istituto Omnicomprensivo “Mameli-Magnini” – scuola secondaria di primo grado – hanno realizzato un dipinto raffigurante Deruta e Aubagne.

    “Oggi – ha proseguito il sindaco – abbiamo anche iniziato a costruire un ponte con Aubagne che è di amicizia, ma anche di prospettive future per scambi commerciali e culturali, attivabili fin da subito. Un percorso reso possibile anche grazie al sostegno della Fondazione Perugia”. Il sindaco di Aubagne si è detto “onorato” di questo patto di amicizia che a breve diventerà un gemellaggio “fra comunità e persone”, fra “eccellenze e tipicità”. Per il Console Galatioto è “un gemellaggio costruito su molti punti in comune, a partire dalla ceramica”, mentre il presidente del comitato della Fondazione Perugia ha assicurato “il sostegno anche per la fasi successive”.

    L’avvocato Paola ha lanciato la proposta che “queste reti diventino città creative dell’UNESCO”, mentre Massimo Isola ha sottolineato che “non ci accontentiamo di custodire la memoria, ma la utilizziamo come strumento di sviluppo”. La consigliera Laura Fuccelli si è detta onorata di “aver contribuito a realizzare questo gemellaggio”. Mentre, i rappresentanti delle associazioni degli artigianati, di Deruta e Aubagne, si sono detti pronti a intraprendere un percorso di scambi con la ceramica grande protagonista di questo progetto europeo!.

    La delegazione francese, composta dal sindaco Jerard Gazay, Mr JARQUE Patrice /

    conseiller municipal délégué à l’Artisanat et aux Métiers d’art Mme AMY Florence /

    Présente de l’association des céramistes et santonniers d’Aubagne; Mr SAJAN Michel /

    Collaborateur Cabinet du maire è stata accolta dal sindaco Toniaccini, dalla giunta, dai consiglieri comunali, da altre autorità e dai cittadini. L’arrivo è stato accompagnato dalle note della Banda Musicale Città di Deruta che ha intonato l’Inno francese e quello italiano.

    Gli eventi hanno visto la partecipazione attiva delle Proloco del territorio comunale, de La Rosa dell’Umbria, del Palio della Brocca, del Comitato degli Artigiani Ceramisti di Deruta, delle altre associazioni, come “Avanti Tutta” con cui, afferma Toniaccini, “abbiamo voluto mandare un ulteriore messaggio di cura del prossimo”.

    Sarà un Natale ricco di affetti, aggregazione e socializzazione, in cui si riporta al centro il vero senso di questa festività, che è la natività. Una rinascita delle nostre comunità, improntata sempre più sulla solidarietà”.

    L’Albero in ceramica

    L’albero è realizzato dall’Associazione Pro Deruta in collaborazione con gli artigiani e artisti ceramisti di Deruta, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

    L’opera ha un’altezza di circa 11 metri, è composta da due basamenti: il primo è un cubo interamente rivestito in ceramica; l’altro un ottagono sempre con pannelli in ceramica dipinti a mano, ognuno dei quali rappresenta una scena diversa della Natività. Dal cubo si erge il tronco composto da 19 grandi cilindri sormontato da un puntale di circa un metro, tutto rigorosamente realizzato in ceramica.

    I cilindri e il puntale, realizzati dai maestri tornianti di Deruta, sono stati dipinti dagli artigiani e artisti ceramisti i quali hanno realizzato una vera e propria opera d’arte.

    Completano l’albero 17 file di 4 rami ciascuna, ricoperti da barre in ceramica dipinte, ai quali sono appese 250 palle di Natale con diversi decori e colori.